Bryce Canyon



STATI UNITI - BRYCE CANYON NATIONAL PARK

Uno dei parchi più belli dello Utah, relativamente piccolo e molto particolare che non mancherà di stupirvi.
L'anfiteatro degli Hoodoos, pinnacoli color rosso e bianco che caratterizzano il parco
L'anfiteatro degli Hoodoos
Sunset Point
Vista dal Sunsent Point

COME ARRIVARE : ci sono circa 278 miglia durante le quali attraverseremo diversi luoghi che meritano una sosta. Pertanto calcoliamo l'intera giornata per il trasferimento a Bryce Canyon. Dalla Monument Valley prendiamo la strada 163 Il bellissimo Navajo National Monument
Il bellissimo Navajo National Monument
verso sud in direzione Kajenta superata la quale imbocchiamo, a destra, la strada 160. Si continua per circa 31 miglia fino ad incrociare a destra la 98 che conduce a Page. Dopo circa 13 miglia incrociamo a destra la strada n. 16 che conduce alla nostra prima meta: il NAVAJO NATIONAL MONUMENT Si tratta delle rovine di un villaggio Anasazi (che in lingua navajo significa "altro popolo antico") situato all'interno di una immensa grotta di circa 140 metri di altezza nel canyon di Betatakin. Il villaggio era così ben nascosto che fu scoperto solo nel 1909. Dal Visitor Center si prende il Sandal Trail, un comodo sentiero che in breve conduce ad uno strepitoso belvedere sulla gigantesca grotta nella quale sono ben visibili le numerose abitazioni rupestri contornate da scale di legno.
Esiste anche la possibilità si effettuare un'escursione che parte al mattino presto, obbligatoriamente accompagnati dai ranger, lungo un sentiero all'interno del canyon che conduce in prossimità della grotta. L'interno non è visitabile a causa della possibilità di caduta massi dal soffitto della grotta.
Navajoland resti case
Rovine di villaggio Anasazi
Hogan
Hogan, antico riparo del popolo Navajo

Ritornati sulla strada 98 ci dirigiamo a nord in direzione di Page, una cittadina nei pressi del Lago Powell, centro per le escursioni in battello sul lago ed al famoso Antelope Canyon, noto per le pareti scolpite che sembrano delle onde e per i giochi di luce al variare della posizione del sole. Nei pressi di Page la strada 98 confluisce nella 89 che si imbocca girando a sinistra in direzione di Flagstaff. Subito dopo, appena superata una roccia con disegnata una P bianca (visibile sul lato sinistro della strada), imbocchiamo una piccola stradina sulla destra che conduce alla nostra seconda meta: HORSESHOE BEND. Si tratta di uno dei più celebrati belvedere degli Stati Uniti, il classico luogo da cartolina che si trova in tutti i depliant turistici. Lasciata la macchina nell'apposito parcheggio risaliamo una collinetta sabbiosa e ci addentriamo lungo un sentiero di circa 1 km. nel mezzo di una pianura desertica, muniti della nostra inseparabile bottiglia d'acqua perchè il caldo sicuramente si farà sentire.
Sentiero nel deserto
HorseShoe Bend
Non perdetevi lo spettacolo dell'HorseShoe Bend
Proseguendo in mezzo al nulla ci assale il dubbio di aver sbagliato strada ma in lontananza scorgiamo gruppi di persone ferme tra le dune e ci domandiamo che cosa mai ci sia da guardare da quelle parti. Giunti infine a destinazione, improvvisamente la terra si apre e ci troviamo ai piedi di un vertiginoso strapiombo. Di fronte a noi il Colorado River, con le sue acque blu intenso dai riflessi verde smeraldo, scorre 200 metri più in basso formando una perfetta curva a "ferro di cavallo" attorno ad un enorme sperone roccioso. Uno scenario di impareggiabile bellezza che non mancherà di lasciarci stupiti ed affascinati. Il momento migliore per la visita è nel primo pomeriggio, col sole alto che illumina completamente le rocce rosate ed il fiume sottostante. Consigliamo estrema attenzione nell'avvicinamento al bordo dello strapiombo in quanto non transennato.


A questo punto non ci resta che dirigerci verso la nostra meta principale: BRYCE CANYON. Ritornati sulla strada principale 98 ci dirigiamo verso nord per circa 135 miglia fino ad imboccare sulla destra la strada 12. Poche miglia più avanti, nei pressi dell'aeroporto, prendiamo la 63 a destra che ci conduce in breve all'ingresso del parco.

Dipinto indiani
Dipinto all'interno dell'hotel
scultura indiani
Scultura di indiano fatta con il ferro


DOVE DORMIRE: all'interno del parco vi è un unico albergo, il Bryce Canyon Lodge, che ovviamente deve essere prenotato con molti mesi di anticipo. Appena prima dell'ingresso si trova il Ruby's Inn che merita una visita per il grande negozio di souvenir e l'ampio ristorante a buffet. Altri alberghetti, relativamente più economici, si trovano sulla strada principale 12.


Il nostro consiglio: se non trovate posto negli alberghi vicino al parco vi consigliamo di prenotare a Tropic, una piccolissima cittadina a 10 minuti d'auto dall'ingresso del parco, lungo la strada 12. Noi siamo stati al Bryce Canyon Inn, situato lungo la strada principale. E' composto da varie casette di legno chiamate "cabin" molto spaziose, pulite e confortevoli. Una soluzione un pò "country" che merita di essere provata.


hoodoos-bryce canyon
I caratteristici Hoodoos del Bryce canyon

COSA VEDERE: il parco è giustamente celebre in tutto il mondo per i suoi caratteristici pinnacoli chiamati "hoodoos" (camini delle fate) prodotti dall'erosione delle acque, del vento e del ghiaccio. Le rocce dalle forme più strane assumono colori intensi che vanno dal rosso all'arancione fino al bianco. Queste guglie, alte fino a 30 metri che non mancheranno di sorprendervi, si trovano distribuite all'interno di un grande anfiteatro che conta un dislivello di oltre 600 metri. La visita richiede come minimo un giorno intero, ma vi consigliamo caldamente di programmare almeno due giorni per poter godere appieno delle bellezze del parco.


Sunset  Point
Sunset Point Overlook


1^ giorno: visita dei numerosi view points sparsi lungo il bordo del canyon che costeggiano le meravigliose falesie e regalano panorami incantevoli. Superato il Visitor Center seguiamo le indicazioni stradali per Sunrise Point dove possiamo parcheggiare la macchina ed iniziare a percorrere il sentiero che costeggia il bordo del canyon e dal quale si possono ammirare vicinissime le impressionanti forme rocciose multicolori che hanno reso famoso il parco.
Si prosegue a piedi verso Sunset Point ed a seguire Inspiration Point per poi concludere la nostra fantastica passeggiata a Bryce Point, dove un piccolo sentiero nei pressi del parcheggio ci porterà ad una piattaforma panoramica dalla quale si abbraccia uno splendido panorama di guglie e rocce seghettate.


Inspiration Point
Vista dal bellissimo Inspiration Point
Bryce Point
Il meraviglioso panorama dal Bryce Point
Tornati indietro utilizzando la navetta gratuita (da inizio maggio ad inizio ottobre), non ci resta che vedere i numerosi view points situati nella parte meridionale del canyon che visiteremo comodamente spostandoci con l'automobile fino al punto più a sud denominato Rainbow Point (panorama grandioso). Naturalmente i momenti più suggestivi sono l'alba ed il tardo pomeriggio.


2^ giorno: la visita del giorno prima ci avrà fatto venire una voglia pazzesca di addentrarci all'interno del parco che soddisferemo pienamente nel secondo giorno del nostro soggiorno. A differenza di altri parchi, come ad esempio il Grand Canyon bello ma anche selvaggio, il Bryce è molto più piccolo ed abbordabile dal punto di vista escursionistico. Esistono infatti una rete di sentieri di breve e media lunghezza, che possono essere anche combinati tra loro, che ci daranno la possibilità di scoprire, senza particolari problemi, questo mondo unico e spettacolare.

Queen's Garden Trail
Il Queen's Garden Trail
Inspiration  Point
Gli Hoodoos assumono forme molto particolari
Il nostro consiglio: i due sentieri più classici sono il Queen's Garden Trail ed il Navajo Loop che combinati tra loro danno la possibilità di fare una escursione di grande soddisfazione nei luoghi più interessanti del parco. La partenza si trova in prossimità del Sunrise Point e la lunghezza totale è di oltre 5 km. Poichè le formazioni rocciose sono soggette a crolli o a frane, ricordiamoci di verificare presso il Visitor Center eventuali limitazioni del transito lungo i sentieri oltre ad informarci sulle condizioni meteo.


FOTO DEL BRYCE CANYON NAT. PARK



Condividi
Copyright © 2011- www.tuttoinlibera.it - All rights reserved - Webmaster ELISA&ALESSANDRO - info@tuttoinlibera.it