Parete nord-ovest del Civetta



SCALET DELLE MASENADE 2100m - VIA DECIMA

LUNGHEZZA: 350m di sviluppo
DIFFICOLTA': V+
ESPOSIZIONE: sud
MATERIALE CONSIGLIATO: rinvii, serie completa di friends, cordini
TIPO DI ROCCIA: splendido calcare
APRITORI: L. Decima, F. Todesco, S. Della Santa, P. Costante Brustolon 1976
NOTA BENE: via su roccia splendida e molto caratteristica, da non percorrere in caso di tempo incerto perchè si svolge all'interno di un colatoio. Molto importanti sono i cordini, visto che sono presenti numerose clessidre.
PERIODO CONSIGLIATO: da giugno a novembre
ACCESSO STRADALE: arrivare a Belluno, per chi arriva da occidente si consiglia di uscire a Vicenza - Valdastico immettendosi sulla A31 con uscita Dueville, quindi per Bassano e con la ss 47 per Trento svoltare a Primolano per Feltre si raggiunge Belluno. In alternativa, all'altezza di Mestre est si imbocca l'autostrada per Vittorio Veneto ed in breve a Belluno. Raggiunta la città si prosegue per Agordo e il passo Duràn da dove si parcheggia l'auto.
AVVICINAMENTO: dal passo Duràn 1605m seguire il sentiero che porta al rifugio Carestiato 1835m. Proseguire per l'alta via n.1, fino a portarsi sotto la parete dello Scalet delle Masenade, dove si punta l'evidente colatoio.
ATTACCO: qualche decina di metri a destra dell'evidente colatoio, nei pressi di una placca inclinata.
RELAZIONE: superata la placca iniziale si entra nel diedro, al suo termine si esce sulla sinistra e una volta superati alcuni strapiombini si entra direttamente nel colatoio che si segue sino sulla cengia terminale.
DISCESA: traversare verso ovest per comode cengie erbose sino a quando il sentiero si abbassa raggiungendo la base della parete, quindi per il sentiero di accesso si rientra al rifugio.

FOTO DELLA VIA


Condividi
Copyright © 2011- www.tuttoinlibera.it - All rights reserved - Webmaster ELISA&ALESSANDRO - info@tuttoinlibera.it