Parete nord-ovest del Civetta



GRIGNA MERIDIONALE 2184m
PRIMO MAGNAGHI 2040m - VIA MARINELLA

LUNGHEZZA: 100m circa di sviluppo, 3 lunghezze
DIFFICOLTA': VI+
ESPOSIZIONE: ovest
MATERIALE CONSIGLIATO: rinvii, qualche friend
TIPO DI ROCCIA: calcare bellissimo
APRITORI: Vittorio Panzeri, Ugo Tizzoni, Pierino Cattaneo, giugno 1933
NOTA BENE: via stupenda in stile dolomitico su roccia monolitica e con arrampicata sostenuta. La chiodatura è abbondante a chiodi classici, anche se alcuni passaggi sono obbligatori, le soste sono su resinati oppure uno spit + chiodi. La via può essere facilmente concatenata con altre vie dei torrioni Magnaghi.
Merita sicuramente una ripetizione.
PERIODO CONSIGLIATO: da maggio a settembre
ACCESSO STRADALE: da Milano si raggiunge la città di Lecco e si seguono le indicazioni per la Valsassina, una volta a Ballabio salire ai Pian dei Resinelli quindi raggiungere il rifugio Carlo Porta.
AVVICINAMENTO: dal rifugio seguire il sentiero della cresta Cermenati sino al primo bivio con cartello indicatore per i torrioni Magnaghi, si continua a camminare in piano per un lungo traverso fino ad arrivare ad incontrare il canalone Porta che si risale con tratti semplici di arrampicata sino alla base della parete ovest del Sigaro Dones e del primo Magnaghi, che si costeggia sino quasi al termine del canale, quindi uscire su una terrazza posta sotto la parete. (1h00 / 1.30h)
Oppure (coma faccio sempre io), dopo aver fatto una via sul primo Magnaghi, effettuo una doppia da 60m sul versante ovest che mi deposita poco a sinistra della terrazza d'attacco.
ATTACCO: su comoda terrazza alla sinistra di un diedro.

RELAZIONE:
L1 - Obliquare verso destra sino ad entrare nel bellissimo diedro, seguirlo e quando è possibile iniziare a traversare il leggera discesa verso sinistra. (40m, numerosi chiodi, sosta a resinati in comune con Nastassia Kinsky, VI)

L2 - Andare verso sinistra rinviando il primo resinato di Nastassia Kinsky, rientrare a destra e per placca stupenda molto ben chiodata si giunge in sosta. (15m, numerosi chiodi e 1 resinato, sosta su uno spit + 2 chiodi, VI+)

L3 - Entrare nel diedro dove al suo termine si supera uno strapiombo, quindi per placche verticali si giunge in cresta. (40m, 4 chiodi, sosta a spit, VI-)

DISCESA: con 1 doppia si ritorna nel canalone Porta, poi a piedi lungo il canale, oppure un'altra eventuale doppia posta sulla terrazza d'attacco.
N.B. La prima doppia si trova in cima , posta nei pressi di una croce abbandonata.

FOTO DELLA VIA

SCHIZZO DELLA VIA

Schizzo Via Marinella

Condividi
Copyright © 2011- www.tuttoinlibera.it - All rights reserved - Webmaster ELISA&ALESSANDRO - info@tuttoinlibera.it